Servizio Privato di Otorinolaringoiatria

A proposito di...

Terapia degli acufeni

Polisonnografia

Naso chiuso ed allergie

Terapia del russamento

Terapia degli acufeni

Poliposi nasale

Sinusite cronica

Interventi in sala operatoria

Si è soliti distinguere tre tipi di acufeni.

Il primo tipo è rappresentato dalle percezioni sonore che non hanno un correlato oggettivo (sia all'auscultazione che strumentalmente) e che sono presumibilmente causate da una alterata attività di qualche stazione dell'apparato uditivo (acufene soggettivo).

Il secondo tipo riguarda quegli acufeni con una componente vibratoria di intensità tale da poter essere percepita con l'auscultazione da parte del paziente (acufene oggettivo, ovvero l’orecchio “ascolta” un rumore che proviene da un organo vicino).
Il terzo tipo è rappresentato dagli acufeni che possono essere documentati solo strumentalmente, sicché con un minore impatto emotivo sul paziente.
Le principali cause degli acufeni oggettivi sono:

  • le disfunzioni vascolari (aterosclerosi del distretto carotideo, tumori vascolari dell’orecchio ed altre)

  • l’alterata contrattilità dei muscoli del palato

  • le disfunzioni della tuba di Eustachio

  • i rumori articolari dell'articolazione temporo-mandibolare

Le cause principali degli acufeni soggettivi sono:

  • qualsiasi forma di ipoacusia (perdite di udito)

  • l’assunzione di farmaci tossici per l’apparato uditivo

  • l’esposizione a rumore ambientale

  • tumori del nervo acustico

Ogni malattia, così gli acufeni, può esser correttamente trattata se correttamente inquadrata dal punto di vista diagnostico.
Per capire la causa dell’acufene è necessario un protocollo specialistico razionale che preveda:

  1. Visita specialistica otorinolaringoiatrica corredata di:

    • Esame audiometrico

    • Esame impedenzometrico

    • Test di funzionalità della tuba di Eustachio

    • Fibroscopia delle alte vie respiratorie

    • Esame otoneurologico di funzionalità vestibolare

    • Studio dei Potenziali Evocati Uditivi (opzionale)

    • Risonanza Magnetica Nucleare dell’encefalo (opzionale)

  2. Identificazione e terapia dei fattori di rischio concomitanti

    • Iperglicemia (diabete)

    • Patologia del colesterolo e/o dei trigliceridi

    • Alterati livelli ematici dello Zinco

    • Ipertensione arteriosa

    • Patologie del cuore

    • Patologia della circolazione carotidea e vertebrale

  3. Identificazione e terapia di malattie di organi “vicini” all’orecchio

    • Malattie dell’articolazione temporo-mandibolare

    • Malattie del collo (artrosi cervicale ed altre)

    • Patologie neurologiche (disturbi d’ansia ed altre)

Le moderne scelte terapeutiche per gli acufeni, se la diagnosi è correttamente formulata, forniscono buoni
risultati ed includono:

  • Terapia farmacologica secondo protocollo integrato mirato alla causa del problema, per via orale o endovenosa a cicli

  • Terapia dietetica secondo protocollo integrato mirato alla causa del problema

  • Laserterapia

  • Tecniche di rilassamento e biofeedback

  • Protesi acustica (in casi selezionati)

Dr A. Valieri Chirurgo ORL

Gli acufeni sono la percezione da parte di un soggetto di un suono che non proviene dall’ambiente circostante.
Gli acufeni rappresentano una delle malattie dell’orecchio più frequenti; infatti il 15% della popolazione ha sofferto nella vita di almeno un episodio di acufene; il 14% di questi pazienti lo ha definito un fastidio grave e per il 4-6 % si è trattato di una grave disabilità.

 

 

 

 

 

 

 

last update: 3 febbraio 2010